mercoledì, luglio 23, 2008

Revolutionaries Wait (# 24).

(se il post che segue lo leggete ascoltando qui magari lo digerite meglio, perchè è stato scritto su tali battiti scevri di semantica e ragione, lasciandomi trasportare perchè non so dire altro adesso. E si sa che io, piuttosto che tacere....)



Ascolto gli archi e il basso di "Viva la Vida", ("gli archi subentrano nel rock quando cessano le idee"), le sue liriche e il suono chiericale eppure mi piace, mi piace tutto, mi piace l'organo mi piace Gerusalemme e il coro romano, mi piace non dovermi spiegare il perchè.
Una falena è entrata dalla finestra scura e mi frana sulle braccia, sulla fronte, sui capelli freschi di parrucchiere, non so perchè ci sia andata, perchè sia stato rapido e indolore, perchè non abbia provato stavolta il solito imbarazzo di lacca che m'innuvola ogni volta che.
E ascolto e seguo la falena, e ho ricevuto un messaggio a mezzanotte di buon compleanno, un regalo da un amico, e gli auguri di amici nuovi di amici vecchi di amici ritrovati e mi guardo nella finestra scura e mi vedo come sempre e piango quando Chris Martin dice "And I discovered that my castles stand upon pillars of salt, and pillars of sand", e piango quando la falena mi bacia con un frullo accanto alla radice del naso, come facevano tutti quando ero piccola.
Come mi baciavo io nei sogni, come mi baciavo come ascoltavo come non posso pensare che adesso
ho 24 anni
ho 24 anni e sto distruggendo e costruendo e girando su me stessa ascoltando una canzone che non piacerà a chi vorrei potesse piacere, che piace solo a me, che piace a tutti,
ho 24 anni e sono da sola
come quando ero piccola
come quando ne avevo 23
ne ho 24 adesso e scrivo in automatico come Breton seguendo solo il ritmo e le passioni, solo i liquidi e le ossa, non chiedendomi il perchè di niente,
come quando ero piccola
che dicevo "perchè" solo per il gusto di rompere le palle,
non per la curiosità di sapere,
come quando ne avevo 23,
e per qualche ragione non so spiegare
perchè lo faccio ancora.
E non me ne frega niente che ho 24 anni, e me ne frega sì.
E nonna, lo so che leggi il blog, è inutile che tu finga non sia così. Così è.
Tua nipote è un grumo di parole e muco e rimmel colato a picco e capelli freschi di parrucchiere e voli di falena e zero percezioni in questo momento,
in tutti i momenti,
come quando era piccola,
come quando ne aveva 23.
Come mai più.

8 commenti:

Penny Lane ha detto...

Auguri, falena! E 24 piccole tirate d'orecchi! :)

Penny

Scarabocchio ha detto...

Erano le 2,15 quando ho lasciato una traccia in questo spazio, ma il destino ha voluto che andasse perduta... per sempre... chissà dove... sigh!

Avevo scritto una letterina accorata per la Signora Nonna, che pressappoco diceva così:

Cara Signora Nonna della Choppa,
oramai tutti sappiamo che lei legge di nascosto il blog di sua nipote!
Siamo tutti contenti, perchè avrà di sicuro l'occasione per leggere anche i commenti alle sue pubblicazioni: in questo caso, se mi sta leggendo, la invito ad avvicinarsi alla sua nipotina, a porgerle un fazzoletto, affinchè lei possa asciugare i residui di muco nasale colante e la prego di andarsi a rintane in cucina, dove preparerà per "la piccola" una bella torta di compleanno grondante di panna e cioccolato, possibilmente con una sola candelina... 24 candeline potrebbero deprimerla più del dovuto!
Grazie dell'attenzione Signora Nonna della Choppa, è stato un piacere conoscerla!
;)

Max P. ha detto...

Augurissimi, cara Choppa!
Tutto procede benissimo (e vedrai, anche per te!)
Kiss

Gianfranco ha detto...

mi unisco al coro degli auguri!

Choppa ha detto...

grazie a tutti, sempre presenti.
Però cacchio, dopo la salsa ecco che sono qui a pensare di aver scritto un post troppo malinconico per il mio compleanno...
dannati Colplei.
Dannato braianino.

Anonimo ha detto...

24, che invidia :) auguri
abbaino

Baol ha detto...

CazzoCazzoCazzo...mi sono perso il tuo compleanno....ma porc...

AUGURIIIIIIIIIII

windam ha detto...

Augurissimi choppa!!! Sorry per il ritardo

Ps (il windam blog è tornato! www.windamstroy.blogspot.com)

Un bacio!