sabato, aprile 12, 2008

Blowing nel solito Wind

In mutandone sulla poltrona, piatto di pesce alla griglia in mano, guardo sky tg 24 giusto per portare il livello del mio umore dalla tacchetta "lievemente giù di tono" a quella "decisamente pessimo". Ultimissime sparate prima del voto. Berlusconi: "Aboliremo il bollo auto e moto" (per favore ditemi che qualcuno ancora crede alle sue promesse, così m'impicco senza rimpianti). Veltroni: "Aumenteremo i salari" (adesso lo dici? E fino a due mesi fa dov'eri, scusa, all'opposizione?) Totti:" Tirare in ballo Ilary è da pazzi" (ha ragione, cavolo. Ricordatemi qual è il suo simbolo che domani lo devo crocettare).
Premo il tastino verde e scelgo il riquadro "Spettacolo". Trovo Silvio Muccino che parla dei Giovani d'Oggi e del loro Bisogno di Sentimenti, perchè l'Amore è tutto nella Vita e il resto alla fine non Conta.
Non conta se da lunedì sera saremo nella cacca fino al collo. Se nulla si farà per l'istruzione, per la cultura, per eliminare la precarietà, se ripiomberemo in quell'abisso di bassezza che ci meritiamo. Tanto siamo Giovani, ci basta l'Amore e l'ultimo Singolo dei Negramaro. E bravo Muccino, degno del nome che si ritrova.
Ripremo il tastino verde e scelgo il riquadro "meteo". Trovo pioggia battente per tutto il weekend, da Piacenza a Rimini, con precipitazioni abbondanti sull'Appennino emiliano, in particolare si rileva la presenza di un nuvolone parecchio incontinente tra Zola e Monte Pastore, nei pressi esatti della casa della Choppa.
Apro la finestra; un'unghia di luce acerba s'incaponisce a cercare di dissolvere il pessimismo plumbeo che permea il mio salotto.
Non ce la fa.
Ma un vento venuto
forse da un prato o da una cascina,
forse da una modesta locanda vicina,
porta l'odore di legna bruciata,
di cacciagione,
di serate al camino fuori stagione.
Ricordo le sagre delle castagne
ogni novembre in cima a quel colle,
ricordo la terra che sporca le braccia,
ricordo l'infanzia,
e con che faccia
dovrei dire a mio nonno, se lo avessi di fronte: "domani non parto, per sfiducia non scelgo".
Non potrei mai. E' da questa terra che vengo.
Per futuro e memoria di votare mi degno.

6 commenti:

fabrizio ha detto...

Clap clap clap!!!
(se riesco a votare anche io crocio PD)

Anonimo ha detto...

Ciao, Choppa!
Hai letto di Pippa Bacca?
Se ti va, fai un giro sul sito http://bridesontour.fotoup.net.
Sinceramente, ci sono momenti in cui le elezioni mi sembrano una enorme pagliacciata rispetto a ben altre scelte...
Un abbraccio,

Penny Lane

Anonimo ha detto...

uhauhaauhauhauhauahuahuahauhauh! forte quel che hai scritto. ciao sono cristiana della chat, ci siamo conosciute stasera, poi mi spizzo il tuo blog. a presto

Choppa ha detto...

Ciao penny, s� ho letto...
devo dire che l'idea potenzialmente era bella, ma un'artista dovrebbe rendersi conto pi� di ogni altro della realt� in cui vive.
Non ci credo che fosse di animo totalmente puro, che non si aspettasse almeno delle serie difficolt�. Non ha nemmeno tenuto conto della cultura dei luoghi in cui andava, una cultura dove la figura femminile ha un peso e un significato molto diverso che da noi.
O forse s� e ha voluto portare un messaggio di purezza e pace pur sapendo bene a cosa rischiava di andare incontro.
In ogni caso, una vicenda triste ma che non sorprende affatto.

Choppa ha detto...

"che da noi" è orrendo: diverso dal nostro.


@cristiana: benvenuta

Passero ha detto...

Ti ho nominato per un meme :-P