domenica, dicembre 03, 2006

Un sabato


Stamattina ho lavato i capelli, si vedono le méches che mi ha fatto il parrucchiere, per cui quelli sono a posto.
Mi passo sul viso un fondotinta un po' scuro.
La matita bianca sul bordo inferiore degli occhi, per aprirli, ce li ho piccoli.
Due colpetti di mascara, che le ciglia sono lunghe, ma senza non si nota.
L'ombretto viola chiaro, poco.
Il lucidalabbra.
Stasera mi metto la gonna, quella beige, con sotto i fuseaux neri come va di moda adesso. E gli stivaletti nuovi. Sono dimagrita, la pancia non si vede sotto la cintura.
Prendo l'autobus, aspetterò un po' in centro ma non importa.
Sto bene.
C'è il mercato,compro un barattolo di miele; è una delle poche cose rimaste, assieme al torrone e ai maglioni peruviani.
Mi sento un'amante in attesa del fidanzato morto.
I lampioni devono illuminare i costosi riflessi della mia chioma, color delle foglie tristi per terra. Dovrebbe essere ora, vado all'appuntamento.
E' strano, la piazza è vuota ma la strada rigurgita macchine. Ognuno si nasconde all'altro. Ci si corre incontro a portiere spalancate.
Non verrà.
Fa freddo e le mie labbra sono già screpolate.
Alla fermata dell'autobus, gruppi di ragazzi chiacchierano eccitati, le scarpone dai lacci colorati, i pantaloni lunghi. Un piercing.
Mi chiedono come arrivare dai Muse.
"Col 93", dico. "Lo prendo anch'io".
Torno a casa, è più di un'ora che aspetto.
Prendo due pizze per non far credere alla tipa dell'asporto che io stia passando il sabato sera da sola. Non sia mai.
Con gli occhi ancora truccati e il naso opaco mi chiudo in salotto, casa vuota, a chattare.
Non riesco a dormire se sono sola, così guardo Rock Tv tutta la notte.
Rivaluto "Pure Morning" dei Placebo.
Pessimo segno.

13 commenti:

fabrizio ha detto...

galleggi splendidamente nella via di mezzo tra la bellezza di una sera tutta per se' a casa e la disperazione di sentirsi sola come un cane dopo una serata buca.
Oggi si direbbe che sei ua terzista, per me sei un piacere da leggere.

SoulChoppa ha detto...

Sto seriamente pensando di ritirarmi dalla vita mondana.
Solo io, quattro o cinque freezer pieni di pizze e vaschette di gelato, un pc e un lettore dvd, qualche chinotto e una pila di libri da far paura a Babele.
Ma voglio troppo bene ai miei amici, anche se a volte tirano buche spaventose.

princeps ha detto...

La tua scrittura si sta sempre più raffinando, complimenti chopparella! (Ho in mente anche il post precedente, ma lascio qui per comodità: vale per entrambi).
I Placebo sono decisamente un pessimo segno.
Bacio.

F.

SoulChoppa ha detto...

ahaha!...tra l'altro son due giorni che mi chiedo cosa voglia dire il testo...."my japanese is better"?!E dire che il mio muso ispiratore è Bresson e adoro il surrealismo..
grazie per i copiosi complimenti: il mio fondotinta dovrà farsi vieppiù scuro.
baci

Anonimo ha detto...

Dispiaciuta per la "sola", fatti coraggio capita a tutti. Comunque sono queste le cose che ti fanno credere che l'asocialità sia una meta e non un difetto. "Sono un tipo antisociale non m'importa (con la r moscia) mai di niente, non m'importa dei giudizi della gente..."
Poi se ti butti sulla chat rinforzi l'idea pensando che, in fondo, un amico virtuale è sufficiente. Sigh. A questo punto compriamoci un tamagotchi e facciamola finita lì. Se fa la cacca socializziamo con lui.
Aggiungo il tuo sito ai miei link perché mi piace e perché è più comodo, così non devo sempre passare dal blog del Passero per arrivare qui ;)

Anonimo ha detto...

(se posso aggiungere, sennò poi provvedo a rimuovere)
:*

SoulChoppa ha detto...

ma certo che puoi, anzi ne sono lusingata.
No purtroppo, la virtualità non mi basta. Ogni volta che conosco qualcuno tramite pc mi verrebbe da prendere un treno e andarlo a trovare..anche con te, che in fondo sei vicina!
un abbraccio vero e non virtuale.

ps: io linko il tuo "guccia". ok?

Anonimo ha detto...

Ok scambio di link e scambio di abbracci veri, magari verissimi appena mi sono ripresa da questo dramma dell'ustione ;)
Mi piace tantissimo il tuo stile di scrittura e non è un complimento virtuale.
guccia - Sara.

SoulChoppa ha detto...

...a questo punto una pulce nell'orecchio me l'hai messa! ...
come hai fatto a sfregiarti?
ci vediamo presto

fabrizio ha detto...

il link a guccia e' dentro il tuo blog...
ma e' SBAGLIATO!!!

SoulChoppa ha detto...

urca, lo controllo subito.
fabrizio, hai sentito che chiude per un po' il sito del guzzantone?
aaargh. Come farò?!

fabrizio ha detto...

notizia certa?
per quanto tempo sara' chiuso?

vuol dire che per un po' prenderemo altre strade...

SoulChoppa ha detto...

Eh sì, se vai sul forum c'è scritto tutto, anche la nostra nuova tana.
Abbiamo creato un gruppo su yahoo.
http://it.groups.yahoo.com/group/gli_sfollati_di_corrado_guzzanti/

facci un salto oppure due, altrimenti possiamo comunicare per email, e volentieri!
...tanto non ti libererai di me facilmente! ;)